Studi: svegliarsi prima delle 10 non è salutare

Svegliarsi

Quante volte vi è capitato di svegliarvi e sentirvi già stanchi come se alle spalle aveste una notte in bianco passata a lavorare?

Se credete che questo accada perché siete troppo pigri avete ragione solo in parte. In realtà alcuni studi scientifici affermano che la qualità del sonno della società moderna diventa sempre più scarsa a causa di molteplici fattori.

Alcuni di questi fattori possono essere l’uso eccessivo di telefoni cellulari, pc e televisori. La luce artificiale prodotta da questi ultimi potrebbe infatti influenzare negativamente la qualità del nostro sonno.

Da sempre molte persone si interrogano sul numero complessivo di ore di riposo sufficienti a ripristinare corpo e spirito. I pareri in merito sono discordanti, alcuni affermano bastino 7 ore altri 8 e così via.

Ma un recente studio pubblicato in Gran Bretagna dimostra che più importante del numero di ore passate a riposo, è la fascia oraria in cui ci svegliamo per dare inizio a tutte le nostre attività.

Cosa dice lo studio del dott. Paul Kelley

Il Dott. Paul Kelley, ricercatore dell’Università di Oxford ha pubblicato un recente studio in cui viene sollevata una questione abbastanza curiosa.

Svegliarsi prima delle 10 del mattino nuocerebbe alla salute. È questa la scoperta che il dott. Kelley ha presentato attraverso i risultati della sua ultima ricerca.

Alcuni organi del nostro corpo riescono a raggiungere la massima attività solo dopo una determinata fascia oraria. Questa corrisponde alle ore 10.

Quindi organi come per esempio il fegato o il cuore, secondo il Dott. Kelley, producono un maggiore sforzo prima delle 10:00.

L’ideale sarebbe quindi svegliarsi alle ore 10, far slittare impegni come scuola e lavoro di qualche ora più tardi. La privazione del sonno in generale aumenta stress, stanchezza, frustrazione e rabbia.

Ma secondo il dott. Kelley svegliarsi una sola ora più tardi potrebbe diminuire tensioni muscolari, tachicardia e alleviare i sintomi dell’ansia e dello stress da routine quotidiana.

Uno studio davvero interessante, quello presentato dal noto ricercatore di Oxford. Tuttavia, non possiamo di punto e in bianco scegliere di cambiare l’orologio biologico del mondo intero e pretendere che scuole e impegni di lavoro possano aspettare un’ora in più.

Se articoli di questo genere catturano la tua attenzione potresti consultare anche:

Vivere 5 anni in più si può, ecco come

La musica aiuta corpo e spirito, lo dice la scienza

Carmela Massa

Author: Carmela Massa

Sono Carmela, una giovane donna dalle grandi ambizioni e il cuore bagnato in mille passioni. La musica è il mio primo grande amore insieme al linguaggio dell'anima. Adoro scrivere e spero presto di diventare una giornalista. Proprio attraverso le righe mi piacerebbe raccontare la storia di questa vita, girando il mondo con uno zaino colmo di sogni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *