Ex hotel “Sabaudia al Lago”, 50 anni di abbandono

L’ex hotel in piazza a Sabaudia, in completo abbandono. Dopo la situazione di degrado conclamata in cui versa ormai da tempo l’ex cinema, non si è potuto fare a meno di notare come dopo tanti anni e tentativi mai risolti di ristrutturazione e nuova gestione, l’edificio che un tempo si chiamava “Sabaudia al Lago”  sia ancora abbandonato e in piena rovina.

L’edificio che domina la piazza del Comune a Sabaudia è un totale disastro sia da un punto di vista estetico che per quanto riguarda la sicurezza pubblica. La struttura che negli anni è balzata da una gestione ad un’altra ed è stata oggetto di disputa tra le varie Amministrazioni e la Regione Lazio. L’edificio che un tempo ospitava anche una ’scuola alberghiera, formando personale qualificato, presenta oggi gravissimi disfacimenti che oltre a rovinare l’immagine della città, mettono ogni giorno a rischio l’intera palazzina. Da anni i proprietari delle attività commerciali poste immediatamente dopo l’entrata della sede dell’ex albergo, lamentano danni derivanti da infiltrazioni. Considerando anche il tasso d’umidità e le piogge che si verificano durante la stagione invernale, è comprensibile quanto complicata possa essere la situazione.

La situazione resta invariata nonostante siano trascorsi moltissimi anni

Ad oggi dopo tanti anni, la struttura cade a pezzi sotto gli occhi degli storici cittadini di Sabaudia che hanno visto nascere ogni angolo della città. Il rammarico è forte tra i giovani, tra i commercianti e tra i turisti che ogni anno vengono a trovarci. Artigiani ed imprenditori della zona, sono continuamente alle prese con i danni strutturali e nonostante le diverse lamentele sono ogni giorno costretti a tamponare i danni per proprio conto. Ci chiediamo perché Sabaudia, città razionalista, dove l’arte e la storia si fondono con la bellezza della natura, debba essere così depotenziata da tanta incuria e negligenza?La comunità intera si chiede dove siano le istituzioni e per quanto tempo ancora è necessario attendere prima che un pezzo di storia e di architettura torni a vivere in città.

Anna Silvestrini

Author: Anna Silvestrini

Mi chiamo Anna e ho 27 anni. Faccio della scrittura la mia più grande forma di comunicazione. L’attività di giornalismo è nata quasi per gioco divenendo un lavoro vero e proprio nel quale impiego tutta la mia energia vitale. Credo che nelle parole si nasconda un vortice di emozioni cui si può accedere solo con la chiave giusta, quella della passione per la lettura e per la conoscenza. Ho imparato a leggere all’età di cinque anni e da lì non ho più smesso. I libri sono una delle mie più grandi passioni. Tutto ciò che non riesco ad esprimere a voce, trova forma in ciò che scrivo e tutto ciò che di più intimo sento, lo trovo nascosto nei libri. Amo viaggiare, relazionarmi con popoli e culture diverse per scoprire il mondo in ogni sua più piccola sfaccettatura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *