Chiusura ponte: “Posticipare i lavori a settembre”

La chiusura del Ponte Giovanni XXIII a Sabaudia, a stagione iniziata, continua a fare discutere. LEGGI ANCHE QUI.

L’interruzione del traffico provocherà inevitabili disagi

Dinanzi agli evidenti ed inevitabili disagi che provocherà la chiusura del ponte il prossimo sei maggio, fino a conclusione dei lavori, i consiglieri di minoranza Giovanni Secci, Pasquale Capriglione, Enzo Di Capua, Piera Polisena e Vincenzo Avvisati, nel tardo pomeriggio di oggi, hanno presentato una richiesta di convocazione urgente del Consiglio Comunale per chiedere di posticipare i lavori, a stagione terminata, almeno dopo il 15 settembre.

Si tratta di un intervento che non riguarda la sicurezza statica

Una richiesta legittima se si considera che l’intervento non riguarda la sicurezza statica del ponte ma soltanto la manutenzione dei giunti di dilatazione. Dinanzi ad un’opera di manutenzione ordinaria sarebbe più logico, dunque, rinviare l’inizio dei lavori a fine stagione. Si eviterebbero, dunque non solo eventuali danni economici agli operatori del mare, ma anche ai commercianti del centro. Punti vendita che avrebbero quasi certamente un calo di introiti provocati proprio dalle deviazioni dei turisti verso strade alternative e prive di attività commerciali.

La richiesta integrale della minoranza

“I consiglieri comunali Giovanni Secci, Pasquale Capriglione, Enzo Di Capua,
Piera Polisena e Vincenzo Avvisati chiedono la convocazione di un
consiglio comunale d’urgenza per il giorno 6 maggio 2019, (orario da definire in conferenza dei capigruppo) previa convocazione della conferenza dei capigruppo per venerdì 3 maggio 2019 (orario da definirsi a cura del Presidente del Consiglio), al fine di discutere e deliberare l’ordine del giorno di cui alla proposta di delibera allegata. Si invita altresì il Presidente del Consiglio a verificare con gli uffici la necessità dei relativi pareri”.

Tiziana Cardarelli

Author: Tiziana Cardarelli

Una passione per il giornalismo diventata una professione. Una professione che sento nell'anima. Rendermi utile mi aiuta a vivere meglio. Cosa mi riempie il cuore di gioia? Il volontariato e vedere sorridere gli occhi dei bambini. Aiutare il prossimo dà un senso di leggerezza e di benessere interiore. Adoro gli animali perché riescono ad amare in modo incondizionato. Nonostante l'esperienza che credo sia la somma delle fregature, mi abbia insegnato che la riconoscenza sia solo il sentimento della vigilia, continuo ad essere sempre disponibile con il prossimo. La mia malattia cronica? Essere una nostalgica romantica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *