Dragon Boat: Campionati Europei per Club a Siviglia

Si sono appena conclusi i Campionati Europei di Dragon Boat, svolti a Siviglia su uno storico campo di gara internazionale per regate di Canoa.

Settanta società da tutta Europa

Hanno partecipato settanta società provenienti da tutta Europa. A difendere i colori pontini la squadra del Dragon Boat Sabaudia, con i suoi atleti sempre ai vertici di questa disciplina sia in campo Italiano che europeo e mondiale. Il gruppo ora, grazie al grande lavoro svolto con passione e con mille sacrifici, sia da parte dei suoi tecnici: Riccardo Masotto, Roberta Ravagnin e Fabio La Macchia, sia da parte di tutti gli atleti, si è posto all’attenzione internazionale anche come club.
Una passione che sul lago di Paola è coltivata con amore e determinazione e che trova origine nell’antico oriente.

Sei i podi

Sei i podi conquistati in altrettante gare disputate, ben cinque sono stati i bronzi, con un exploit nel 2000mt misto senior A, dove ha ottenuto uno spettacolare argento a soli 9”, dalla fortissima squadra tedesca del Neckardrachen, trionfatrice in numerose altre gare.
Le premesse c’erano tutte già da prima della partenza, una squadra piena di entusiasmo, che poteva solo regalare emozioni.

La soddisfazione del capitano Crosara

Il capitano della squadra Mario Crosara ha espresso così la sua soddisfazione: “Abbiamo ricevuto tanti complimenti dalle altre squadre per la nostra coesione, al di là dell’aspetto sportivo. I ragazzi sono stati spettacolari ed alla fine anche i risultati ci hanno premiato”.

L’emozione del tecnico Riccardo Masotto

“Quest’anno non ho potuto seguire la squadra per motivi familiari
in questi anni ho vissuto tante competizioni internazionali, ma non mi sono mai emozionato tanto, come quando vinsero i miei figli e come quest’anno nel seguire le gare dal piccolo schermo”.
E’ il commento del tecnico Riccardo Masotto.
Bravissimi tutti: i pagaiatori Marcello Angarano, Monia Belli, Luca Calabrò, Gabriella Ceci, Sabrina Corrado, Mario Crosara, Stefano De Angelis, Giovanni De Stefani, Marco De Stefani, Massimiliano Fondi, Anna Maria Mirabile, Cristian Polidori, Antonio Vona, timoniere Angelo Antonio e tamburina Montone Angela.

Daniela Carfagna

Author: Daniela Carfagna

Nella vita ho fatto veramente tante cose, perché sin da bambina mi hanno insegnato che non è tanto importante il lavoro che si fa, ma come lo si fa. Così il venerdì mi sono laureata in lettere con 110 , a 23 anni, e il lunedì ero sui campi della ditta Terra Flora a raccogliere rape, colorabi e ravanelli, un lavoro durissimo che iniziava alle 5 del mattino e finiva alle 11 di sera. Poi il contatto e il piacere con i ragazzi a scuola, come insegnante di ginnastica e di lettere, infine l’ingresso nel mondo della cultura con il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali e con il Comune di Sabaudia. Più di quarant’anni dedicati ai servizi culturali del territorio pontino prima e alla città dalle bianche torri, poi. In realtà un “non lavoro” , una passione ed un amore indiscusso che mi ha regalato molto, moltissimo, in pratica il mio “ quarto figlio” a cui credo di aver dedicato la vita. Oggi ho la fortuna di fare ciò che ho sempre amato, ma che prima non mi era consentito per gli impegni, i figli da crescere ed una famiglia da mandare avanti da sola: scrivere, leggere, viaggiare, ballare, pagaiare sul lago di Paola, con il gruppo Donna Più della Lilt, sezione di Latina, camminare, far fotografie. Adoro l’arte, il cinema e la buona compagnia. Il mio motto “la bellezza e la poesia salveranno il mondo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *