Violenta volontaria del centro diurno, marocchino in manette

Ha tentato di entrare senza mascherina all’interno del centro diurno di Latina. Fermato da una volontaria, si è scagliato contro di lei, correndole dietro, con i bargigli al vento, fino a raggiungere la donna che nel frattempo era fuggita nel dormitorio. Il giovane, un marocchino di 26 anni, con i pantaloni già abbassati, ha iniziato a palpeggiare la vittima nelle parti intime, tentando di avere un rapporto sessuale.

Le grida

Le grida delle volontaria hanno attirato l’attenzione degli altri ospiti presenti nella struttura. Gli stessi che hanno difeso la donna, evitando così che il marocchino portasse a compimento l’atto sessuale. Ma non è finita. Il ventiseienne vistosi alle strette, ha afferrato un tondino di ferro ed ha tentato di aggredire i soccorritori della vittima.

L’arresto

I soccorritori della volontaria hanno subito chiesto aiuto alla Polizia. Gli agenti delle Volanti in pochi istanti hanno raggiunto il centro diurno. Hanno bloccato il marocchino e lo hanno ammanettato con l’accusa di violenza sessuale. Nei confronti del giovane pende un provvedimento di espulsione  dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Verona. Il 26enne è stato associato alla Casa Circondariale a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Avatar

Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *