Spaccio di cocaina: arrestato 30enne di Sabaudia, tremano in molti

Spaccio di cocaina, arrestato un sabaudiano di 30 anni. Ora tremano complici e assuntori, molti dei quali professionisti insospettabili.

F.C. questa mattina è stato raggiunto da ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Latina, su richiesta della Procura della Repubblica di Latina. Secondo l’accusa l’uomo, molto conosciuto nella città delle dune, è ritenuto responsabile del reato di spaccio di sostanze stupefacenti.

Il precedente

Lo scorso 12 aprile, durante un servizio di controllo del territorio urbano, svolto a Sabaudia da agenti della Polizia Locale e della Questura di Latina, le forze dell’ordine hanno notato la presenza del 30enne all’interno di una villetta comunale. F.C. alla vista degli agenti pare sia scappato a bordo della sua vettura.

Tradito dal nervosismo

Gli agenti, insospettiti dal comportamento di F. C. hanno provveduto a un’ispezione dei luoghi. Nel corso dei controlli hanno rivenuto, a ridosso di un muretto e celata sotto gli aghi di pino, una busta di plastica nella quale vi erano 10 involucri avvolti con nastro isolante.

Quella polvere risultata cocaina

A seguito di accertamenti tecnici, la sostanza stupefacente è risultata essere cocaina, per un peso complessivo di circa 180 grammi, dal quale potevano ricavarsi circa 400 dosi.

La perquisizione a casa di F.C.

La Procura della Repubblica di Latina, nell’ambito di indagini coordinate dal procuratore aggiunto Carlo Lasperanza e dal sostituto procuratore Giuseppe Milano, hanno quindi disposto una perquisizione nell’abitazione di F. C.. A seguito del blitz a casa del 30enne, gli investigatori hanno rinvenuto 80 grammi di hashish. ‘Fumo’ che se immesso sul mercato avrebbe fruttato circa 350 dosi.

Perquisita anche la sede di una società del 30enne

La Mobile di Latina ha perquisito anche la sede di una società di cui F.C. è amministratore. All’interno del locale hanno rinvenuto tre bilancini sporchi di cocaina oltre a materiale da taglio e da confezionamento.

Trovato tutto il necessaire per il confezionamento

Tutto il materiale rinvenuto è stato sequestrato. Secondo alcune indiscrezioni sembra che la perizia effettuata abbia confermato che il materiale di confezionamento fosse compatibile con quello degli involucri rinvenuti nella villetta comunale, in centro a Sabaudia. Non solo. Pare anche che i residui di cocaina trovati sui bilancini, fosse stata tagliata con lo stesso farmaco non stupefacente rinvenuto all’interno delle dosi nascoste sotto gli aghi di pino.

E i complici?

E non finisce qui. Sono in corso ancora indagini serrate. Gli inquirenti mirano a ricostruire, proprio a Sabaudia, la rete di complici. Chi in altre parole era attorno ad F.C. per piazzare la ‘neve’ in città. Tremano anche gli assuntori, molti dei quali pare siano anche professionisti insospettabili. Nei prossimi giorni potrebbero essere nuovi e clamorosi sviluppi.

Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *