Si lasciano e lui la picchia a sangue, 34enne nei guai

Non riusciva ad accettare la fine della loro relazione. Maltrattamenti continui fino all’altra sera quando l’ha picchiata così tanto da farla finire in ospedale.

Ad essere denunciato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia è stato un 34enne di Latina. Ad avvisare i Carabinieri è stato il personale sanitario dell’ospedale Goretti. Gli operatori sanitari hanno raccolto la denuncia della donna, l’hanno medicata ed hanno avvisato le forze dell’ordine. I carabinieri hanno provveduto a notificare la denuncia al compagno violento.

Vittima una 36enne

La vittima, una donna di 36 anni, guarirà in 15 giorni. Due settimane in cui dovrà fare i conti con ematomi e contusioni varie oltre a quel dolore interiore che pare abbia portato dentro per tanto tempo, fino a quando ha deciso di vuotare il sacco, raccontando a medici e infermieri tutta la verità su quei lividi sul corpo.

I fatti

La vicenda è accaduta domenica sera in un’abitazione di Latina Scalo. Prima la discussione tra i due. Litigi con violenze continue. Forse proprio per questo la donna aveva deciso di lasciarlo. Ma lui il 34enne violento, non riusciva proprio ad accettare il fallimento della loro storia. L’uomo dalle parole è passato ai fatti. Ha picchiato la compagna pensando di spaventarla, costringendola così a rimanere con lui, ma la vittima è stata costretta alle cure dei medici. Una volta in ospedale si è fatta coraggio e ha raccontato la verità a chi già aveva capito.

Un amore malato che se fosse andato avanti probabilmente sarebbe finito in tragedia. I carabinieri della stazione di Latina Scalo dopo quanto accaduto hanno anche informato il centro antiviolenza donne.

Sempre meglio denunciare che subire. Chi è vittima di violenza, per giunta all’interno della mura domestiche, non deve soccombere, ma alzare la testa denunciando. Solo così si può tornare ad essere liberi e lontano da chi non sa neppure cosa vuol dire la parola amore.

Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *