Ristorazione: intestazioni fittizie, tre persone nei guai

Questa mattina la Polizia di Stato di Latina ha eseguito tre ordinanze di custodia cautelare in carcere per tentata estorsione ed intestazione fittizia di beni.

Le indagini sono state condotte dalla Squadra Mobile diretta dal Vice Questore Aggiunto Giuseppe Pontecorvo e coordinate dal Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica di Latina, Antonio Sgarrella.

Manette per due 51enni e un 40enne, tutti di Latina

Sono finiti in carcere due 51enni ed 40enne del capoluogo, a seguito di un’attività investigativa che ha avuto inizio circa due anni fa, dopo che due degli arrestati di oggi erano stati denunciati alla Polizia da un uomo minacciato a più riprese affinché restituisse alcuni assegni, o la somma equivalente, consegnatagli in precedenza da uno dei due.

I successivi approfondimenti investigativi, anche di natura patrimoniale, avrebbero documentato come il principale indagato odierno – già coinvolto, e successivamente condannato, nell’operazione di polizia “Don’t touch – pare nel tempo abbia attribuito a propri complici la titolarità di società o quote sociali, allo scopo di eludere la misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale a cui è sottoposto dal 2019 che prevede, tra l’altro, il divieto di ottenere licenze o autorizzazioni di polizia e di commercio.

Ristorazioni e pub tra Latina, Terracina e San Felice Circeo

Sempre secondo quanto accertato dagli investigatori, sembra che varie attività commerciali nel campo della ristorazione e pub, aperte tra Latina, Terracina e San Felice Circeo, siano gestite di fatto dall’uomo coinvolto nell’operazione Don’t touch. Quest’ultimo si sarebbe avvalso di intestatari fittizi, ossia gli altri due arrestati di oggi, i quali avrebbero agito nelle vesti di amministratori e soci. Ulteriori accertamenti investigativi avrebbero poi evidenziato progetti imprenditoriali di espansione del gruppo, soprattutto nella città di Roma.

Ordini di custodia

Le risultanze dell’attività d’indagine di Procura e Squadra Mobile sono state condivise dal G.I.P. del Tribunale di Latina Giuseppe Cario, che ha disposto le ordinanze di custodia cautelare. Inoltre, la polizia eseguirà anche il sequestro preventivo di 5 società e dei relativi conti correnti, di fatto riconducibili al principale indagato odierno.

Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *