Covid: tutti più grassi, depressi e… con le orecchie a sventola

Tra mascherine e cibo in eccesso quando usciremo da questo incubo saremo sicuramente tutti più grassi, più depressi e forse anche con le orecchie e sventola. Ma ne usciremo. Almeno si spera!

L’emergenza sanitaria che ormai va avanti da un anno sta mettendo a dura prova non solo la psiche delle persone ma anche il peso corporeo. Le limitazioni che ci costringono in casa, con una socialità quasi nulla, le palestre chiuse e lo smart working, spingono un po’ tutti ad eccedere con il cibo e, inevitabilmente, l’ago della bilancia sale. L’obesità ed i chili di troppo aumentano anche il rischio legato ad una eventuale infezione da Sars-coV-2.

Dati Coldiretti

In Italia secondo alcuni dati diffusi da Coldiretti a ottobre scorso il 44% degli italiani è ingrassato a causa del Covid. Nel periodo del lockdown per evitare la noia, quasi tutti ci sono dedicati alla cucina, inventando ricette improvvisandoci pizzaioli, pasticceri, fornai e cuochi. Ecco che più della metà degli italiani ha messo su peso, ingrassando mediamente circa 4 chili.

Sei milioni di obesi

Gli italiani obesi sono circa sei milioni e quelli in sovrappeso 25 milioni. L’emergenza Covid non ha certo aiutato i pazienti affetti da questa patologia, perché l’obesità è una malattia che va curata anche con il supporto psicologico. Ora la speranza di tutti è che si possa uscire presto dalla pandemia, tornando ad una vita normale. La riapertura di impianti sportivi e la possibilità di poter tornare a socializzare, è indispensabile.

Tra mascherine e cibo in eccesso quando usciremo da questo incubo saremo sicuramente tutti più grassi, più depressi e forse anche con le orecchie e sventola. Ma ne usciremo!

Avatar

Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *