Lavori sul ponte, Sabaudia come la tela di Penelope

I nuovi lavori a ridosso del ponte sul Lago Paola a Sabaudia

Sabaudia ormai ha un volto nuovo. Bello o brutto che sia, lasciamo a voi giudicare. Un’immagine più o meno trascurata, dipende dalle zone, proprio come più o meno in tutte le città del mondo. E non stiamo qui a puntare il dito, lo farete voi cittadini alle prossime elezioni quando deciderete cosa fare della vostra città. Quello che però lascia perplessi è quanto sta accadendo sul tratto viario che conduce al ponte sul lago di Paola. Viene da chiedersi se sia normale che vengano realizzati i marciapiedi e poche settimane dopo ‘distrutti’ per nuovi lavori in corso (le immagini sono state scattare questa mattina, ndr).

Le foto dei nuovi lavori a ridosso del ponte di Sabaudia riportano inevitabilmente alla tela di Penelope. Percorrendo il tratto di strada è impossibile non pensare immediatamente all’Odissea quando Penelope, moglie di Ulisse, il giorno tesseva e la notte disfaceva la tela.

Ci piacerebbe sapere il motivo per cui il lavori che sono in corso questi giorni non siano stati realizzati prima del termine dei marciapiedi. Forse vorrebbero saperlo anche i tanti cittadini di Sabaudia che amano la propria città e che hanno creduto al civismo, ad una squadra di nuovi amministratori che ha promesso tanto, tantissimo ma che pare abbia disilluso gran parte dei sabaudiani.

Le delusioni arrivano sempre quando promesse e aspettative sono tante. Pacta sunt servanda: come dare torto ai latini? Ma del resto l’esperienza è la somma delle fregature e convincere uno sfiduciato è come chiedere ad un bambino di non fare capricci.

Tiziana Cardarelli

Author: Tiziana Cardarelli

Una passione per il giornalismo diventata una professione. Una professione che sento nell'anima. Rendermi utile mi aiuta a vivere meglio. Cosa mi riempie il cuore di gioia? Il volontariato e vedere sorridere gli occhi dei bambini. Aiutare il prossimo dà un senso di leggerezza e di benessere interiore. Adoro gli animali perché riescono ad amare in modo incondizionato. Nonostante l'esperienza che credo sia la somma delle fregature, mi abbia insegnato che la riconoscenza sia solo il sentimento della vigilia, continuo ad essere sempre disponibile con il prossimo. La mia malattia cronica? Essere una nostalgica romantica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *