Villa di Domiziano, il Tar dà il via libera all’appalto

Via libera dal Tar di Latina all’appalto per il recupero e la valorizzazione della Villa di Domiziano. I giudici amministrativi hanno rigettato il ricorso presentato dalla ditta giunta seconda in graduatoria e rimosso così gli ostacoli per avviare nell’area archeologica sulle sponde del lago di Paola, a Sabaudia, i lavori necessari alla Soprintendenza per poi proseguire anche nelle attività di scavo, di consolidamento e restauro dei resti archeologici.

Gara aggiudicata dalla prima ditta in graduatoria

A impugnare l’assegnazione dell’appalto alla società campana Lucci Salvatore Impresa di Costruzioni era stata la ditta romana Impresa Antonio De Feo Restauri.

Secondo la ricorrente, la società aggiudicataria avrebbe inserito nell’offerta delle proposte migliorative che avrebbero sconvolto completamente la gara da 1,8 milioni di euro bandita il 6 giugno scorso dal Ministero per i beni culturali e dunque doveva essere esclusa. Nel mirino soprattutto l’impegno a restaurare intonaci e pavimentazioni, a installare nuovi servizi igienici e un sistema di videosorveglianza. La Impresa Antonio De Feo Restauri, impugnando l’aggiudicazione dell’appalto disposta il 20 dicembre scorso, ha fatto ricorso contro il Mibact e contro Invitalia, l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, che ha gestito la stessa gara. Ma il Tar ha respinto i rilievi della ricorrente e rigettato il ricorso. Avanti con il recupero dell’area di Villa Domiziano.

Clemente Pistilli

Author: Clemente Pistilli

Nato a Velletri 43 anni fa e laureato in Lettere all’Università “La Sapienza” di Roma, da venti anni mi occupo di comunicazione a livello locale e nazionale. Una passione mai sopita quella per il giornalismo in generale e per la cronaca giudiziaria in particolare, portata avanti tanto sulla carta stampata quanto sui nuovi media, con radici rimaste sempre salde sul territorio pontino e innamorato della terra di Circe. E sempre con un imperativo: andare, vedere, raccontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *