Da marito violento a stalker, 50enne arrestato

Da marito violento diventa stalker, prima denunciato e poi arrestato dalla Squadra Mobile di Latina.

Le manette

A finire ai domiciliari è stato C.C., 50 anni di Latina. L’uomo è stato ammanettato in esecuzione dell’ordinanza di aggravamento della misura cautelare del divieto di avvicinamento ed allontanamento dalla casa familiare, con quella, come detto degli arresti domiciliari. L’esecuzione è stata emessa Gip del Tribunale di Latina Giuseppe Molfese.

La cronaca

Nel corso del pomeriggio di ieri, i poliziotti della Squadra Mobile hanno arrestato il 50enne C.C. in esecuzione all’ordinanza di aggravamento della misura cautelare del divieto di avvicinamento ed allontanamento dalla casa familiare, con quella degli arresti domiciliari.
Il provvedimento coercitivo, adottato su richiesta del P.M. Monsurrò della
Procura della Repubblica di Latina, titolare delle indagini, è il frutto dell’attività investigativa dei poliziotti della Squadra Mobile, nell’ambito delle sempre più incisive azioni rivolte a tutelare le “fasce deboli”.

Maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate

Lo scorso agosto l’uomo è stato raggiunto dal divieto di avvicinamento, con allontanamento dalla casa familiare. Un provvedimento adottato dal GIP
del Tribunale di Latina per i reati di maltrattamento in famiglia e lesioni aggravate ai danni della moglie.
Ciononostante, nei mesi a seguire, la vittima ed altri testimoni hanno confermato però violazioni della misura cautelare da parte del 50enne, già noto alle forze dell’ordine. Lo stesso con atteggiamento molesto e persecutorio seguiva la moglie nei pressi della propria abitazione oltre che in luoghi abitualmente frequentati dalla donna. Un marito violento, insomma, che accecato anche dalla gelosia pare sia diventato una sorta di stalker.

Indagini certosine

Il puntuale lavoro investigativo raccolto e trasmesso all’Autorità giudiziaria ha indotto prima il pubblico ministero, titolare delle indagini e poi il giudice per le indagini preliminari, del Tribunale di Latina ad accogliere la
richiesta della Squadra Mobile e ad emettere una misura più afflittiva a carico del 50enne, ora associato ai domiciliari.

Tiziana Cardarelli

Author: Tiziana Cardarelli

Una passione per il giornalismo diventata una professione. Una professione che sento nell'anima. Rendermi utile mi aiuta a vivere meglio. Cosa mi riempie il cuore di gioia? Il volontariato e vedere sorridere gli occhi dei bambini. Aiutare il prossimo dà un senso di leggerezza e di benessere interiore. Adoro gli animali perché riescono ad amare in modo incondizionato. Nonostante l'esperienza che credo sia la somma delle fregature, mi abbia insegnato che la riconoscenza sia solo il sentimento della vigilia, continuo ad essere sempre disponibile con il prossimo. La mia malattia cronica? Essere una nostalgica romantica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *