Chiude in casa i genitori e picchia la polizia, arrestato

Ha chiuso in casa gli anziani genitori e una volta intervenuta la polizia ha preso a calci e pugni gli agenti. In manette è finito un 40enne di Terracina. Lo stesso che in condizioni psicofisiche alterate è stato associato ai domiciliari, nel reparto di malattie mentali in un ospedale della provincia di Latina.

La cronaca

Nella giornata di ieri le grida d’aiuto di una coppia di Terracina hanno attirato l’attenzione dei vicini di casa che hanno contattato il centralino del 113, indicando la provenienza delle urla.

I poliziotti del commissariato di Terracina, in pochi minuti hanno raggiunto l’abitazione ed hanno accertato che la coppia di anziani era stata chiusa in casa. Il figlio impediva loro di uscire, nonostante le grida d’aiuto e le suppliche.

Gli agenti hanno quindi deciso di intervenire rapidamente, forzando il portone d’ingresso. Alla vista degli uomini in divisa, il 40enne prima ha cercato rifugio in bagno, ma subito dopo si è scagliava contro i poliziotti, colpendoli con calci e pugni.

L’arrestato, in evidenti condizioni psicofisiche alterate, è stato sottoposto agli arresti domiciliari nel reparto di malattie mentali in un ospedale pontino,mentre gli anziani genitori, in forte stato di choc, sono stati soccorsi dall’ambulanza del 118. Le accuse contestate al 40enne sono quelle di violenza e lesioni a pubblico ufficiale e violenza privata ai danni dei genitori.

Avatar

Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *