Scuola, tutto pronto. Mosca: “In bocca al lupo agli studenti e un augurio di buon lavoro agli insegnanti”

Manca poco, pochissimo e gli studenti di Sabaudia inizieranno un nuovo anno scolastico. Tutto pronto per la prima campanella nei plessi scolastici della città delle dune. Lunedì mattina il Sindaco Alberto Mosca insieme all’assessore Pia Schintu faranno il giro degli istituti scolatici della città per augurare ai docenti e agli studenti un buon inizio di anno scolastico.

mosca-elezioni-sabaudia-azione-coalizione
Il sindaco Alberto Mosca
“Garantito anche il servizio di vigilanza”

“Quest’anno rispetto agli anni passati – commenta il Sindaco Alberto Mosca – tutti i plessi scolastici di Sabaudia e Borghi sono pronti. Abbiamo provveduto alla disinfezione di tutti i locali, alla rimozione di arredi accatastati da anni, alla manutenzione del verde e alla rimozione di ogni situazione di rischio, specie di quelle cagionate dagli avversi elementi atmosferici del 16 agosto scorso. Inoltre saranno garantiti i servizi di vigilanza all’ingresso e all’uscita degli alunni, a cura della Polizia Locale e dei volontari degli organismi e associazioni di terzo settore. Dopo anni di inizio scolastico a singhiozzi per carenti programmazioni, finalmente i nostri ragazzi potranno avviare al meglio questo nuovo percorso e sedersi sui banchi di scuola lo stesso giorno degli altri studenti residenti in altri Comuni”.

Un inizio, insomma, nel segno della normalità anche dal punto di vista delle restrizioni dovute alla pandemia.

“Se volete vivere mille vite, cari ragazzi, leggete!”

“Auguro a tutti gli studenti di Sabaudia – conclude il Sindaco Mosca – un grosso in bocca al lupo per questo nuovo anno scolastico, con la speranza che tutti si applichino. Vorrei anche ricordare loro di non dimenticare mai che sono il futuro, ma per una visione migliore della vita è indispensabile l’istruzione. E se volete vivere mille vite, cari ragazzi, leggete!  Un augurio di buon lavoro lo rivolgo anche a tutti gli insegnanti che hanno il grande compito di formare questa nuova generazione”.

Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *