Dopo il terremoto in Comune, spunta il teatrino di Fratelli d’Italia, Lega e Pd

Dopo il terremoto che ha scosso il Comune di Sabaudia con l’arresto del sindaco, Giada Gervasi e altri provvedimenti nei confronti di alcuni e funzionari, lo scenario politico per le prossime Amministrative 2022 prende forma.

Da una parte c’è il candidato Alberto Mosca, generale dell’Arma in pensione, (favorito nella corsa alla fascia di primo cittadino, ndr) appoggiato da due civiche, Città Nuova e Scegli Sabaudia insieme a Forza Italia e Udc e dall’altra, invece, il teatrino di Fratelli d’ItaliaLega e Pd.

Tre partiti che secondo i ‘rumors’ avrebbero stilato un accordo con l’allora sindaco Gervasi proprio la sera prima degli ordini di custodia cautelare. Un apparentamento che avrebbe visto alcuni esponenti locali dei partiti (FdI, Lega e Pd) in corsa accanto all’Amministrazione Gervasi, in una civica e quindi senza simboli. Accordo che non avrebbe avuto il tempo di essere pubblicizzato, visti gli accadimenti giudiziari a poche ore dall’incontro. Ora Fratelli d’Italia, Lega e Pd pare stiano ancora cercando un candidato idoneo.

Le indiscrezioni

Da alcune indiscrezioni sembra che i vertici provinciali avrebbero anche avallato il nome di Maurizio Lucci. Candidatura però bocciata a livello locale. Per la cronaca, lo ricondiamo, l’allora Amministrazione Lucci non arrivò a fine legislatura e dopo tre anni Sabaudia venne commissariata. Una figura, quella dell’ex sindaco Maurizio Lucci, per molti, non proprio idonea per potere risollevare la città dal disastro lasciato dall’Amministrazione Gervasi. E non è tutto. Nel marasma politico di Sabaudia pare che la Lega avrebbe proposto come candidato sindaco un barbiere della città delle dune: Gianni Capponcelli.

Cosa accadrà a Fratelli d’Italia e Lega che si sono staccati da Forza Italia proprio sul nome di Maurizio Lucci? Chi potrebbe essere il loro candidato? Per ora sembra manchi una persona di spessore.

Author: Tiziana Cardarelli

Una passione per il giornalismo diventata una professione. Una professione che sento nell'anima. Rendermi utile mi aiuta a vivere meglio. Cosa mi riempie il cuore di gioia? Il volontariato e vedere sorridere gli occhi dei bambini. Aiutare il prossimo dà un senso di leggerezza e di benessere interiore. Adoro gli animali perché riescono ad amare in modo incondizionato. Nonostante l'esperienza che credo sia la somma delle fregature, mi abbia insegnato che la riconoscenza sia solo il sentimento della vigilia, continuo ad essere sempre disponibile con il prossimo. La mia malattia cronica? Essere una nostalgica romantica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *