Sms truffa provenienti falsamente dalle banche, numerose vittime

Fate attenzione agli sms provenienti falsamente dalla Bnl. Non tutti arrivano realmente dall’istituto bancario, completamente ignaro alla vicenda. Un’organizzazione criminale sta intascando fior di quattrini adottando sempre lo stesso modus operandi. “Gentile cliente, per evitare blocchi online è necessario aggiornare i dati al seguente link: https//bit.ly/2G2rXqb”. Questo uno dei testi che continuano ad arrivare sui cellulare degli utenti. Non cliccate. E’ una truffa. Una trappola per rubare le vostre credenziali e ripulirvi il conto. E’ proprio quanto accaduto anche a diverse persone residenti in provincia di Latina.

Il modus operandi è sempre lo stesso

Sul cellulare arriva un sms, apparentemente dalla Bnl. Ma è un falso e chiaramente all’insaputa della banca. Se si clicca sul link, i criminali riescono a derubare le credenziali. Poi come nel caso delle tante vittime, arrivano telefonate dove i truffatori si presentano come dipendenti della Bnl. Chiedono il codice che hanno appena inviato sul cellulare dell’utente. “Dovrebbe fornirci il codice che le è appena arrivato per una verifica”. Se la vittima non si rende conto che si tratta di un raggiro e lo comunica, l’organizzazione criminale entra nel conto e lo ripulisce.

Indagini della Postale

Sono centinaia le denunce che vengono presentate in tutte le questure d’Italia quasi ogni giorno. Gli sms, tra l’altro, arrivano anche sui cellulari di chi un conto a quell’istituto di credito non l’ha mai avuto. Proprio per questo da mesi ormai è stata avviata un’indagine serrata da parte delle Polizia Postale di Torino, insospettita sin da subito da quei messaggi truffa, inviati a random che spesso danno risultati eccellenti a chi agisce senza scrupoli, ingrassando non poco le proprie tasche. Quale sia la base dell’organizzazione ancora non è chiaro, ma non è escluso che a breve le forze dell’ordine possano chiudere il cerchio, assicurando alla giustizia i fautori delle truffe, ormai diventare milionarie.


Avatar

Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *