FdI, Mimmo d’Amico nuovo portavoce di Sabaudia:”Il civismo è morto”

Da tessera numero due di ‘Cittadini al lavoro’ e portavoce dell’associazione che ha portato il sindaco di Sabaudia all’elezione, a critico numero uno dell’Amministrazione Gervasi. Mimmo D’Amico è stato nominato nella città delle dune, portavoce cittadino di Fratelli d’Italia. Il partito della Meloni ha presentato ieri nella sala conferenze dell’Oasi di Kufra, il coordinamento di centrodestra.

Il portavoce cittadino di Fratelli d’Italia a Sabaudia, Mimmo D’Amico
D’Amico: “Sabaudia più povera perché più brutta”

“Non voglio certamente parlavi della bellezza di Sabaudia, non devo raccontare nemmeno l’architettura, non devo dirvi nulla perché sono dentro di noi, fanno parte del nostro codice genetico. Non vi parlerò neppure di ciò che va male, non vi parlerò di un cinema che sembra un centro sociale, dell’hotel che non riesce a trovare una soluzione, del ripascimento che non funziona. Quindi non vi parlerò neppure dello scempio di piazza Roma e del ponte. Tutte cose di cui non vi voglio parlare. Bisogna piuttosto chiedersi il perché. Invece vorrei che tutti riflettessimo sul vero problema di Sabaudia. Un problema serissimo: ci stiamo impoverendo. La ricchezza è un valore. Un valore determinato dalla bellezza. Sabaudia è meno bella e quindi siamo tutti più poveri. Da due anni siamo tutti più poveri perché Sabaudia è più brutta. Questa città sta decadendo e lo vedete tutti, è sufficiente fare una passeggiata”.

Il portavoce cittadino di FdI: “Il civismo è morto, stiamo qui a celebrare un funerale”

“Voglio parlavi del civismo. A livello nazionale e locale, il civismo non funziona, è morto. Siamo qui a celebrare un funerale. Non funziona perché non ha regole, – commenta Mimmo D’Amico – non funziona perché difetta di democrazia, difetta di valori. A Sabaudia ci sono persone che non stanno facendo i consiglieri comunali. Si è visto con l’uscita del consigliere di maggioranza. Un consigliere attaccato da altri consiglieri comunali per una scelta di libertà all’interno del consiglio è veramente incredibile. Quindi si vanno a toccare pesi e contrappesi del potere. In comune c’è il Sindaco, la Giunta, il Consiglio. Il Consiglio è un organo sovrano. E’ un organo che non dipende dalla Giunta e tantomeno dal Sindaco. Dei consiglieri che attaccano un consigliere che ha cambiato gruppo? Assurdo, sono saltate le regole. Dobbiamo tornare alla politica. Dobbiamo tornare a fare politica secondo le regole della politica. La politica è l’arte delle scelte. Dobbiamo scegliere cosa dobbiamo essere e quello che dobbiamo fare. La politica è anche democrazia perché è partecipazione. Nella nostra Costituzione si partecipa attraverso i partiti. E’ un valore costituzionale. A Sabaudia – aggiunge il nuovo portavoce cittadino di FdI – non sarebbe successo quello che è accaduto nella nostra città. Il civismo ha portato Maria Antonietta sul trono di Francia che non rispetta nessuna regola. Non abbiamo un gioco democratico di pesi e contrappesi. Tutti i problemi che non ho voluto approfondire sono l’effetto di questo. Che manca la politica e manca la democrazia. Fratelli d’Italia sostiene che a Sabaudia è necessario tornare alla buona politica. A quella che facevamo una volta, quando ero in Alleanza Nazionale. Noi siamo la casa della destra – conclude D’Amico – . E vogliamo che la destra a Sabaudia torni a casa. Noi a Sabaudia sfioravamo il 40% alle Amministrative. Vogliamo che questi voti tornino a noi perché noi siamo la casa della destra. Tutti insieme dobbiamo tornare a fare politica. Una buona politica, tornando alle regole, alla condivisione. Dobbiamo tornare al rispetto”.

Il senatore Calandrini: “La famiglia si allarga”

A dare il benvenuto al nuovo portavoce cittadino di Fratelli d’Italia a Sabaudia, sono stati il senatore Nicola Calandrini e l‘europarlamentare Nicola Procaccini, insieme al consigliere di minoranza Piera Polisena e ai tanti presenti in sala.

“La famiglia si allarga – commenta il senatore Calandrini -. senza perdere pezzi. Di solito funziona così: entra qualcuno ma va via qualche altro. Noi invece siamo una comunità. Va dato atto anche a tutti coloro che da sempre hanno creduto in questo progetto, primo tra tutti Temi Belmonte, Luca Pacini, Piera Polisena e Antonio Zeoli. Ringrazio tra i presenti il candidato sindaco, Giovanni Secci e il consigliere Enzo Di Capua. Insomma tutte persone che qui a Sabaudia hanno una storia. Condivido tutto ciò che ha detto Mimmo perché sono testimone delle sue parole. A Sabaudia abbiamo avuto un innamoramento. Durato, come ogni innamoramento, sei mesi, otto mesi, un anno. La luna di miele è ora finita tra i cittadini e il sindaco che guida questa città”.

L’europarlamentare Procaccini: “Emozionante festeggiare un nuovo inizio”

Celebriamo un nuovo inizio nella continuità di un radicamento che Fratelli d’Italia a Sabaudia ha ormai da anni e questo grazie ai tanti amici che hanno scelto da tempo la militanza in Fratelli d’Italia. Oggi è un nuovo inizio, grazie a Mimmo d’Amico e grazie a tutti coloro che hanno deciso in questa città speciale di metterci la faccia, di schierarsi per un movimento politico. Da un lato è un movimento nazionale che esprime valori, idee, progetti ed è soprattutto un partito vecchio stampo, di territorio che privilegia coloro che si spendono per il bene della propria città. Ogni giorno. E non è scontato”.

Tiziana Cardarelli

Author: Tiziana Cardarelli

Una passione per il giornalismo diventata una professione. Una professione che sento nell'anima. Rendermi utile mi aiuta a vivere meglio. Cosa mi riempie il cuore di gioia? Il volontariato e vedere sorridere gli occhi dei bambini. Aiutare il prossimo dà un senso di leggerezza e di benessere interiore. Adoro gli animali perché riescono ad amare in modo incondizionato. Nonostante l'esperienza che credo sia la somma delle fregature, mi abbia insegnato che la riconoscenza sia solo il sentimento della vigilia, continuo ad essere sempre disponibile con il prossimo. La mia malattia cronica? Essere una nostalgica romantica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *