Attentato al Parco, svolta nelle indagini: due indagati

Svolta nelle indagini relative all’intimidazione avvenuta all’Ente Parco nazionale del Circeo a Sabaudia, lo scorso 24 giugno.

Dopo gli accertamenti certosini da parte dei carabinieri della compagnia di Latina, in collaborazione con il Ris, due persone di Sabaudia sono state iscritte nel registro degli indagati.

Il provvedimento dei Pm: Carlo La Speranza, Antonio Sgarrella e Valentina Giammaria

Secondo gli inquirenti le due persone di Sabaudia sarebbero responsabili dell’attentato non andato a buon fine  “perché – come si legge nel provvedimento – in concorso tra loro, in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, cospargendo liquido infiammabile nell’area adiacente agli uffici dell’Ente Parco Nazionale del Circeo, ubicati in Sabaudia, via Carlo Alberto n.188, compivano atti idonei e diretti in modo non equivoco a cagionare l’incendio della centrale termica ivi presente, non riuscendovi per cause indipendenti dalla loro volontà e, al contempo, minacciavano gravemente Alessandro Rossi, comandante della stazione Carabinieri Forestali presso il suddetto parco, abbandonando un plico contenente n. 4 cartucce calibro 12 marca Fiocchi sopra il quale vi era apposto un foglio con la scritta ‘Comandante Alessandro Rossi Stazione Carabinieri Forestali c/o Parco Nazionale del Circeo 04016 Sabaudia Latina (Lt)”.

Oggi l’interrogatorio di uno dei due presunti autori

Uno degli indagati ha presentato istanza con richiesta di sottoposti ad interrogatorio. Il faccia a faccia con gli inquirenti è stato fissato oggi pomeriggio (16 settembre 2019) in Procura a Latina, alla presenza del suo legale di fiducia.

A assistere i due indagati di Sabaudia sono gli avvocati Marino Gaetano e Giampiero Vellucci. (LEGGI ANCHE QUI)

Avatar

Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *